Categorie
News

Al palazzo Mastrilli, l’evento “Mandolini sotto le Stelle”

Tutto pronto per “Mandolini sotto le Stelle”, il concerto-evento che torna ogni anno nel mese di agosto da ben sette anni.

L’appuntamento musicale è da fissare in agenda per il prossimo venerdì 7 agosto, a partire dalle ore 21:00, quando lo storico palazzo nobiliare “Mastrilli”, sito in piazza Garibaldi, 1 Cardito (NA) ospiterà tra le sue suggestive mura un indimenticabile serata nel solco della tradizione musicale partenopea.

L’evento giunto alla settima edizione, rappresenterà un vero e proprio esclusivissimo concerto di gala, che proporrà sul palco, come sempre, l’orchestra a plettro della “Napoli Mandolin Orchestra”, diretta dal Maestro Mauro Squillante, in formazione da 9 elementi.

Tra questi si segnala la presenza dei maestri Adolfo Tronco primo mandolino, Carmela Persico e Massimiliano del Gaudio secondo mandolino, Luca Petrosino alla mandola, Leonardo Massa al mandoloncello, Lorenzo Marino alla chitarra e Matilde Squillante al basso, che accompagneranno la straordinaria voce di Valentina Assorto.

Saranno le canzoni classiche napoletane a fare da protagoniste, diffondendo nell’aria le armonie di tempi lontani ma sempre vicine al gusto ed alla sensibilità del pubblico.

La conduzione della serata verrà affidata a Gabriele Blair, attore e voce

ufficiale dell’Esercito Italiano, che coinvolgerà ed accompagnerà i presenti nel cammino musicale di questo straordinario incontro.

Nel corso della serata interverranno inoltre, l’attore Christian Giroso, l’artista Gennaro De Crescenzo ed il comico Enzo Fischetti.

La X Eventi & Communication in collaborazione con l’Associazione Cardito per il Futuro, attraverso questa iniziativa, coerente con lo spirito di comunanza che da sempre la caratterizza,  regalerà agli ospiti un gesto concreto ed al tempo stesso simbolico ben augurante, per una ripresa vincente e produttiva.

La serata, che gode del Patrocinio morale dell’Amministrazione Comunale di Cardito, è resa possibile dal generoso contributo della A.G.S.I. (Associazione Gestori Scommesse Italia), rappresentata dal dottor Pasquale Chiacchio.

La manifestazione verrà ripresa e trasmessa in differita dalle telecamere dell’emittente televisiva Caprievent, media partner dell’evento.

Il concerto è ad ingresso libero fino a esaurimento posti, nel rispetto delle attuali regole di distanziamento.

Categorie
News

Nilo Sciarrone dirigerà Giusy Attanasio in un film sulla discografia napoletana

Recentemente circola sul web la notizia che la popolare cantante partenopea Giusy Attanasio (nella foto con Nilo Sciarrone) sarà la protagonista di una pellicola prodotta e diretta da Nilo Sciarrone. C’è, però, un nuovo elemento, fondamentale, che sicuramente darà soddisfazione ai suoi fan e ai curiosi: la pellicola sarà una commedia musicale romantica e divertente, ma nasconde un obiettivo ben più grande. «Noi vogliamo raccontare un mercato musicale parallelo a quello nazionale – commenta il produttore e regista Nilo Sciarrone – che esiste solo ed esclusivamente a Napoli e in nessuna altra parte del mondo. Un mercato che ha la sua discografia, i suoi videoclip, i suoi concerti… Insomma un mondo musicale che vive autoalimentandosi, un fenomeno che ha incuriosito anche chi non ascolta questo tipo di musica e chi non appartiene a questa meravigliosa città ricca di sfumature. E chi la può raccontare se non chi la vive tutti i giorni?».

«Sono entusiasta del progetto – afferma Giusy Attanasio – e prometto di mettercela tutta per portare la mia Napoli, e parte del suo mondo musicale, oltre i soliti stereotipi. Spesso si è denigrati ingiustamente».

Il produttore e regista partenopeo Nilo Sciarrone, titolare della casa di produzione cinematografica “Ego Factory”, quindi realizzerà il film della popolare cantante napoletana. Le riprese della nuova pellicola inizieranno il prossimo novembre 2020 mentre l’uscita del film nelle sale cinematografiche è prevista tra i mesi di marzo ed aprile 2021.

Come nasce l’idea di far interpretare un film a Giusy Attanasio? Il progetto, appunto, parte da un’idea di Nilo Sciarrone che, dopo aver siglato un importante contratto di co-produzione con la “Baki Production”, azienda cinematografica americana, ha deciso di coinvolgere Giusy Attanasio (e, di conseguenza, la “Di Donato Production”) in questa grande avventura che vedrà la cantante protagonista di un film tutto “made in Naples”, dagli attori al service cinematografico che affiancherà il regista e produttore Nilo Sciarrone per tutta la fase delle riprese e della post produzione video e audio. Le colonne sonore saranno affidate all’esperta mano del maestro Alberto Costa che realizzerà il tutto con archi e strumenti rigorosamente dal vivo presso la “Zeus Record”, tra i partner ufficiali del film. L’opera cinematografica che Nilo Sciarrone si appresta a produrre e a dirigere avrà il sapore dei famosi “musicarelli” che hanno fatto la fortuna di artisti del calibro di Nino D’Angelo: «Giusy Attanasio – conclude Sciarrone – nel film canterà, perché impersonerà la storia di un’umile ragazza che sogna di calcare i grandi palcoscenici della musica partenopea». Insomma, ci apprestiamo ad essere spettatori di una commedia romantica, musicale, divertente e, soprattutto, di rivalsa sociale». Nel frattempo alla produzione “Ego Factory” stanno giungendo decine di richieste, da parte dei fan della Attanasio, di poter essere provinati per entrare a far parte come comparse dell’imminente progetto cinematografico.“

Categorie
News

Dare importanza agli impianti sportivi

Non abbassare la guardia” è l’appello lanciato da Nicola Egidio segretario provinciale napoli ugl sport e spettacolo, riferendosi agli impianti sportivi utilizzati per le universiadi 2019 della scorsa estate.

Sono 70 gli impianti dedicati alle varie discipline sportive, molti dei quali polifunzionali, dislocati in 58 comuni della regione campania, che potrebbero rischiare di non essere utilizzati, vanificando in tal modo un patrimonio unico nel suo settore.

La mancata manutenzione, indispensabile per il loro funzionamento, in questo momento di crisi economica, dovuta al covid-19, potrebbe pregiudicare il loro futuro, lasciandoli ad un inevitabile abbandono.

Auspicando in una ripresa economica tanto attesa, il comparto sportivo è da tenere in grossa considerazione per il notevole indotto ad esso legato, inoltre potrebbe causare una inevitabile dispersione di nuovi talenti in assenza di un regolare utilizzo delle strutture e la campania vanta con orgoglio una lunga tradizione sportiva in campo nazionale e internazionale.

Fiducioso, conclude Nicola Egidio, in un interessamento da parte delle istituzioni. 

Categorie
News

La ripartenza del Centro di produzione Rai di Napoli

Apprendere in questo particolare momento che un insediamento produttivo abbia ripreso la normalità, non può che far gioire, afferma Nicola Egidio Segretario regionale Campania della UGL FNC Informazione; il Centro di produzione Rai di Napoli, ha dimostrato ancora una volta quell’efficienza a 360° e nel rispetto delle normative vigenti anti covid-19, indotto compreso.

Evidenzia come la ripartenza delle produzioni quali, Made in sud, Un posto al sole e Reazione a catena dagli studi di Fuorigrotta oltre a produzioni esterne di notevole pregio quali Ulisse con Alberto Angela e Con il cuore realizzata ad Assisi, hanno riportato quella tranquillità che tanto è mancata in questi ultimi mesi, se ci aggiungiamo anche il 9,9% di share per la prima puntata di Made in sud andata in onda ieri su Raidue, premia il lavoro svolto da tutti i dipendenti del Centro di produzione di Napoli.

Settembre non è lontanissimo e con esso si avvicina la stagione televisiva prossima con i nuovi palinsesti e siamo certi, conclude Nicola Egidio, che l’insediamento partenopeo sarà sempre un riferimento con produzioni di rilievo e di interesse per tutti gli italiani.

Un pensiero lo rivolge a tutte quelle attività ancora in affanno con l’augurio di una prestissima ripresa. 

Categorie
Caivano News

Caivano, ostaggio delle baby-gang. Uova, sassi e spazzatura lanciate contro le abitazioni

Caivano è diventata di nuovo ostaggio dalle baby gang, così come avveniva prima dell’emergenza Coronavirus, come anche denunciato dal Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.

Come raccontato da Il Giornale di Caivano, un gruppo di ragazzini, da diverse settimane, in tarda serata o di notte, lancia uova, sassi e spazzatura contro alcune abitazioni del centro storico di Caivano e sbeffeggia due uomini non autosufficienti.

“E’ vergognoso e inaccettabile che dei cittadini onesti debbano essere succubi di una banda di teppistelli, ragazzini tirati su senza educazione e principi morali.  Si tratta di un fenomeno che va fermato prima che degeneri, sappiamo bene che più passerà il tempo e più il problema si aggraverà e si estenderà a macchia d’olio, per cui bisogna intervenire subito e in maniera decisa. Innanzitutto servono molti più controlli e pattugliamenti delle strade ad opera delle forze dell’ordine, in alcune strade, diventate roccaforte delle baby-gang sono necessari dei presidi fissi della Polizia. Il problema va anche eliminato alla fonte, serve rieducare le menti di questi giovani allo sbando affinché possano così avere una cultura ed un senso civico, serve un intervento massiccio degli assistenti sociali che possano sopperire alle mancanze educative dei genitori di questi ragazzi.”

Hanno commentato il Consigliere Borrelli e lo speaker radiofonico Gianni Simioli.

Categorie
Cultura News

In arrivo l’ Abbecedario della Corona Buona, un libro speciale

L’Abbecedario della Corona Buona è un libro speciale che contiene ventuno composizioni letterarie, una per ogni lettera dell’alfabeto, le illustrazioni di Lino Stefani e le musiche di Edoardo Catemario.

E’ destinato ai bambini delle città colpite dalla pandemia, ma anche a quelli che verranno dopo di loro. Questo progetto è la testimonianza che, anche la più difficile delle esperienze può essere trasformata in un’occasione di collaborazione volta a “fare del bene”.

L’iniziativa nasce dall’intuizione del musicista Edoardo Catemario e dall’entusiasmo della poetessa Antonetta Carrabs.

Il libro si avvale dei contributi di Dina Turco, Vittorio Zanella, Paolo Pezzaglia, Angela Andolfo, Silvia Messa, Iride Enza Funari, Elisabetta Orelli, Roberto del Gaudio, Lino Stefani, Deboorah Catemario, Massimo Montresor, Cristina Ferrini, Chiara Gelmetti, Ilaria Cenci Campani, Elisabetta Motta, Antonetta Carrabs e Edoardo Catemario.
Il libro racchiude filastrocche buffe, storie incredibili e poesie: c’è l’amico, Brunella la farfalla, foglia, estate, Teodolinda, Ninna nanna mamma, Zuqqa, la storia del brodo di zucca.

Le pagine si arricchiscono delle bellissime illustrazioni di Lino Stefani. Preziosa la raccolta di musiche di Edoardo Catemario che vanno dal dixie jazz, alla salsa cubana, alla ballata lombarda alla tarantella. Le canzoni ricordano quelle dello Zecchino d’Oro degli anni settanta. Ringraziamo per la collaborazione i musicisti: Sara Sol, Peppe Frana, Antonello Iannotta e il suo tamburello e i sax di Daniele Sepe.  
La finalità di questa iniziativa è quella di contribuire alla costituzione di un fondo da destinare ai bambini, figli dei medici e degli operatori sanitari che, in questa emergenza, hanno perso i loro genitori, pagando così il prezzo più alto. L’iniziativa è sostenuta e coordinata da Zeroconfini onlus  www.zeroconfini.it

Categorie
Flash News News

Stop alla macchina dello spettacolo. In Campania urge un cambiamento

E’ risaputo che la Campania sia un set a cielo aperto, basta ricordare tutti i ciak battuti in questo territorio per capirne l’importanza, motivo d’orgoglio per tutti noi. Purtroppo questa pandemia ha messo in ginocchio la meravigliosa macchina dello spettacolo, film, sceneggiati, fiction, spot, teatro, musica e chi ne ha più ne metta, sono fermi. Anche l’ indotto, che è parte integrante della filiera è fermo. Le varie flashmob di questi ultimi giorni fanno da eco a questa situazione che non vede a breve una soluzione.

Le varie strutture coinvolte, tra esse il centro di produzione Rai di Napoli, capofila e fiore all’occhiello per tutto il territorio campano e di tutto il Sud Italia sono fermi da mesi e nonostante i vari sforzi da parte di tutti i diretti interessati, si fatica a ripartire e qualora si riesca, sarà tutto in formato ridotto.

Egidio Nicola, sindacalista

Mi soffermo su “Un posto al sole”, sopa interamente realizzata dalla struttura Rai di Napoli, ancora ferma e si spera in una prossima ripartenza. E’ una produzione importante che da oltre vent’anni ha riacceso i riflettori sugli studi partenopei, ma con essa anche tante altre produzioni importanti realizzate in quel di Fuorigrotta, garantendo continuità, vitalità e centralità all’insediamento produttivo, unico per la sua storia.

Urge investire tempestivamente per evitare danni irreversibili, certo, la soluzione non è facile, ma c’è bisogno dello sforzo di tutti, politica, sindacato e tutte le maestranze per far ripartire con le dovute cautele questa meravigliosa industria, che ferma, aggrava ancora ulteriormente la costante crisi occupazionale campana, oltre alla mente e al cuore degli italiani.

Categorie
News

Consentiti gli spostamenti tra regioni diverse dal 3 giugno

Saranno consentiti gli spostamenti infraregionali dal 3 giugno in poi, con autocertificazione.

Al momento non ci sono ragioni per rivedere la programmata riapertura degli spostamenti. Monitoreremo ancora nelle prossime ore l’andamento della curva”. Lo dichiara il ministro Roberto Speranza, interpellato dall’ANSA al termine della riunione di Conte con i capi delegazione. 

Scarica qui l’autocertificazione per movimenti tra Regioni

E’ possibile in quanto, gli indici di trasmissibilità Rt sono al di sotto di 1 e il trend dei nuovi casi è in diminuzione per tutte le Regioni. Quindi l’incidenza settimanale dei casi resa eterogenea in tutta Italia. Ci sono, tuttavia, in alcune regioni, un numero di casi ancora elevato denotando una situazione pressoché difficile, ma in continuo monitoraggio. Si raccomanda per questi motivi una cautela maggiore tra gli spostamenti.

Attualmente non si registrano segnali di sovraccarico negli ospedali, come emerge dal monitoraggio del Ministero della Salute. 

Categorie
Area Nord Caivano News

Riaperto il mercato a Caivano in completa sicurezza

Stamane il mercato di Caivano si è svolto regolarmente con le nuove misure di contenimento per evitare il contagio da Covid-19, indicate dalla Regione Campania.

Presenti all’ingresso principale la Polizia Municipale con il comandante Gaetano Alborino, Marco Lanzetta (Ambiente e Protezione Civile) i volontari dell’Associazione dei Vigili del Fuoco in Congedo e le Guardie Ambientali d’Italia con il maresciallo Giuseppe Nocerino. All’ingresso posteriore, due volontari della Croce Rossa. Tutto il perimetro dell’area mercatale è stato vigilato.

Controllo e sicurezza

All’entrata, ad ogni persona è stata misurata la temperatura. Il percorso obbligato indicato con frecce ha evitato la formazione di assembramenti, e da una stima complessiva è stata calcolata la media di circa 200 persone ogni 40 minuti (considerando la differenza tra entrata ed uscita).

Il lavoro della Commissione, coordinato dalla presenza dell’ingegnere Giuseppe Mocerino, ha rispettato tutte le procedure di sicurezza, con un occhio vigile da parte della stampa locale.

Ripresa lenta, ma voglia di salvare l’economia locale

Non tutti i mercatali sono scesi oggi a lavoro, probabilmente ci saranno più venditori giovedì, il lockdown è stato un periodo critico per molti, anche se le intenzioni sono quelle di far ripartire quanto prima l’economia locale. La prassi da rispettare per i giorni che verranno sarà questa, monitorare controllo e prevenzione. La vendita delle merci è stata praticata senza nessuna difficoltà, la folla era abbastanza disciplinata. La città di Caivano può davvero vantare un’area a norma, forse la migliore della Campania.

Categorie
News

Rimodulazione Patto Campania penalizza Caivano. Cesaro (FI): “Serve chiarezza!”

Lo scorso ottobre è stata attivata la riprogrammazione del Patto della Regione Campania, per razionalizzare gli interventi e accelerarne l’attuazione, con un addendum di ulteriori 10 milioni di euro a valere sul Fondo Sviluppo e Coesione 2014-2020. Nell’effettuare dei cambiamenti, il Presidente della Regione, Vincenzo De Luca, avrebbe ripartito le risorse solo per alcuni settori e province.

Napoli, 8 ott. (askanews) – Il ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, ha firmato a Napoli, insieme al presidente della Regione Vincenzo De Luca, la riprogrammazione del Patto della Regione Campania. L’obiettivo è quello razionalizzare gli interventi contenuti nel Patto e accelerarne l’attuazione. In particolare, la rimodulazione finanzia il Progetto di fattibilità della linea ferroviaria Sicignano Lagonegro, per la sua riapertura ai fini turistici. Altre risorse rimodulate sono state destinate ai lavori di completamento della Bretella di Massicelle-Montano e alla messa in sicurezza, ripristino e consolidamento a seguito di dissesto delle sponde del vallone nel Comune di Centola. Nell’Area tematica Ambiente viene rafforzato l’intervento finalizzato alla movimentazione dei rifiuti stoccati in balle presso il sito Masseria del Re di Giugliano in Campania, da conferire agli impianti di trattamento localizzati nell’area della ex centrale turbogas Enel in località Pontericcio del medesimo Comune. Sono stati inoltre assegnati 6,7 milioni di euro per i Finanziamenti agevolati per i soggetti danneggiati dagli eventi calamitosi che hanno interessato la provincia di Benevento nell’ottobre 2015, ha comunicato il ministro Provenzano, che ha inoltre annunciato che a breve il Patto verrà integrato, attraverso la sottoscrizione di un Addendum che destinerà ulteriori 10 milioni di Fsc 2014-2020 per la realizzazione di sei progetti di messa in sicurezza della viabilità stradale in altrettanti piccoli Comuni, al di sotto di 2mila abitanti, ai sensi della Delibera CIPE n. 14/2019″. Psc


“Con la rimodulazione del Patto per la Campania scopriamo che Caivano perde 10 milioni di euro destinati alle infrastrutture e allo sviluppo. Serve chiarezza”.

Lo rende noto il capogruppo regionale campano di Forza Italia, Armando Cesaro.

Caivano è stato escluso dai progetti che avrebbero finanziato lavori di infrastruttura e avrebbero incrementato l’occupazione, che purtroppo è un punto debole per il paese.


“Ricorderei– aggiunge l’esponente di Forza Italia – che Caivano è un territorio già particolarmente disagiato, con livelli di disoccupazione molto superiori alla media regionale e un’esigenza di riqualificazione assoluta”.
“A Caivano – insiste Cesaro – servono investimenti e certezze per i cittadini e per gli imprenditori che vi operano”.
“Sottrarre risorse in questo momento a realtà sulle quali bisognerebbe invece investire con forza è profondamente sbagliato: mi auguro un ripensamento ed auspico comunque chiarezza”, conclude Cesaro.

“Togliere 10 milioni di euro, risorse destinate agli investimenti per lo sviluppo, equivale a compromettere il futuro di Caivano e delle sue giovani generazioni. Quanto denunciato dal nostro capogruppo regionale Armando Cesaro non è accettabile e va chiarito. Capire le ragioni e, soprattutto, a favore di chi o cosa sono state spostate queste risorse del Patto, diventa a questo punto fondamentale così come diventa sempre più urgente, soprattutto in questo momento di grave emergenza sanitaria e sociale sbloccare e attivare immediatamente tutte le risorse disponibili per la riqualificazione, lo sviluppo e l’occupazione a Caivano” lo dichiara Giuseppe Mellone Coordinatore cittadino Forza Italia di Caivano