Categorie
Caserta News

Caos al Centro Campania, file chilometriche. Intervenuta la polizia.

Il Centro Commerciale Campania, dopo due mesi di lockdown, oggi ha riaperto le porte al pubblico. Nonostante le dovute raccomandazioni per evitare il contagio da coronavirus emanate dal Governo e dalla Regione, si sono presentate migliaia di persone a fare acquisti, senza rispettare nessuna regola di distanziamento; alcuni in fila già qualche ora prima dell’orario di apertura dei negozi. Tante persone hanno preferito fare file chilometriche, attendendo per ore, anche per acquistare un solo oggetto.

La smania di fare shopping è prevalsa sul buon senso anche di coloro che erano ad attendere il proprio turno con bambini in braccio o in carrozzina. Insomma, uno spettacolo a dir poco assurdo, tale che dopo diverse ore, con traffico intasato, è stata chiamata la polizia verso le 16.30.

VIDEO

Ecco un video che è stato pubblicato da un utente su Facebook, Gianmarco Viggiano, che esemplifica il caos che c’era oggi al centro.

Alcuni negozi, come “Mondo Convenienza”, a causa dell’enorme affluenza di persone sono stati costretti a chiudere per circa un’ora. Gli agenti sono riusciti a mettere ordine tra i presenti, ripristinando la circolazione, che ormai era totalmente bloccata. Per chi era alle prese con il suo primo giorno di lavoro, dopo diversi mesi di chiusura, è stato un vero shock.

Categorie
Caserta

Ultimo giorno di consegna moduli buono spesa all’ufficio servizi sociali

Oggi all’ufficio protocollo del Comune di Caivano, l’avviso di chiusura dell’ente per sanificazione, in seguito alla segnalazione di un dipendente messo in stato di quarantena sorvegliata, in attesa di avere l’esito di un tampone che gli è stato somministrato. Nel frattempo, anche un altro dipendente della biblioteca è risultato positivo al Covid-19, ma l’uomo è in quarantena ed è monitorato da tre settimane.

L’edificio a via Don Minzioni è stato sottoposto al processo di sanificazione e per ora è chiuso al pubblico, ma il problema della consegna delle domande per ottenere il buono spesa è stato risolto.

Tutta la macchina amministrativa si è trasferita a via Giambattista Vico, presso l’ufficio dei servizi sociali, su richiesta dell’ingegnere al ramo, Giuseppe Mocerino, che si occupa di pianificazione tecnica del C.O.C., insieme ai volontari delle Guardie Ambientali d’Italia che hanno aiutato nello smaltimento delle pratiche ancora in arrivo.

ULTIMO GIORNO DI CONSEGNA

10 APRILE

Come sappiamo, domani sarà l’ultimo giorno per consegnarle. Quindi sarà possibile farlo, recandosi presso la sede dei servizi sociali, aspettando il proprio turno.

Categorie
Caserta Cronaca

Primo decesso in Campania per Coronavirus

Una lotta per la sopravvivenza per il 47enne che è deceduto due giorni fa, residente in Mondragone. L’uomo era reduce di una condizione di salute aggravata da patologie pregresse. Il test al Coronavirus è stato effettuato ieri, dopo il decesso, e si è scoperto che era stato contagiato. I medici avevano riscontrato una forma di polmonite sospetta, grazie alla tac, autorizzando il tampone dopo la morte del paziente. Il tampone dovrà essere processato dall’Istituto Superiore di Sanità per la conferma definitiva.

Categorie
Caserta Cronaca

Mondragone, casi sospetti e accertati di Coronavirus

La scorsa notte un bambino di 2 anni è stato ricoverato all’ospedale civile di Rocco Sessa Aurunca, a pochi passi da Mondargone. Il bimbo è arrivato in ospedale con la febbre ed insufficienza respiratoria, ed è stato isolato nel reparto di pediatria per gli accertamenti, anche se al tampone è risultato negativo.

L’allerta è scattata, quando qualche giorno fa, al test è risultato positivo un giovane residente a Mondragone, rientrato dall’Emilia Romagna, che attualmente è ricoverato in isolamento all’ospedale dei Colli in attesa dell’iter da mettere in atto; la famiglia del ragazzo è stata messa in quarantena per accertamenti.

Mondragone in quarantena

Il sindaco, Virgilio Pacifico, ha disposto le procedure previste dal protocollo. Disposta, infatti, la sanificazione di scuole ed edifici pubblici, in tutta la città. L’attività non ha escluso la pulizia di piazze e strade più frequentate del paese.

Tutta la cittadinanza, in preda all’ansia, ha reagito facendo assalto ai supermercati, mettendo in atto una vera quarantena. Le attività sono state sospese per venti giorni. I cittadini, al tempo stesso, hanno espresso solidarietà alle povere vittime e alla comunità cinese, che in questi giorni stanno vivendo momenti di grosso disagio.

Nel casertano, 5 casi di contagio

Nella serata di ieri è arrivata la conferma del quinto caso di contagio in provincia di Caserta e nella notte, la notizia del bambino di Mondragone ha allertato ulteriormente la cittadinanza.

Categorie
Caserta Cronaca

Sequestrati beni dal valore di 25 milioni all’imprenditore proprietario di Tv Luna

Sono stati confiscati oggi all’imprenditore Pasquale Piccirillo, 56 anni, proprietario di Tv Luna, beni mobili ed immobili dal valore di 25 milioni di euro. Il provvedimento è stato disposto dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere della sezione Misure di prevenzione, su richiesta della Procura. Attualmente, Piccirillo è in stato di sorveglianza speciale per due anni.

Pasquale Piccirillo

I beni sequestrati

Sono stati sequestrati a Piccirillo 98 immobili ubicati tra Caserta, Latina, Napoli, Avellino, L’Aquila, la Svizzera, oltre a quote azionarie, conti correnti, 15 auto ed una moto.

Le indagini

Nel marzo 2018, la Procura di Santa Maria Capua Vetere aveva sequestrato l’intero patrimonio di Piccirillo, dando il via al procedimento davanti alla sezione misure di prevenzione del Tribunale. La confisca conclude le indagini nelle quali l’imprenditore è stato coinvolto negli ultimi anni. giudicato dagli inquirenti pericoloso in quanto ogni bene è stato accumulato illecitamente.

La Procura di Santa Maria Capua Vetere gli ha contestato il reato di truffa aggravata in relazione ai contributi statali ricevuti per le sue testate giornalistiche, di riciclaggio, di appropriazione indebita, e reati tributari come l’emissione di fatture per operazioni inesistenti.